domenica 17 dicembre 2017
 

 

    
    
Home arrow Documenti e Norme
     
 

 

http://edmeds24h.com/dapoxetine/ cheap dapoxetine online
Menu principale
Home
Progetto LEADERMED
Documenti e Norme
Iniziative ed Eventi
I Progetti Pilota
Vetrina delle Aziende
Vetrina dei prodotti
Percorsi Tematici
Galleria Fotografica
Contattaci
Cerca
I Partners
Foto
Forum
Amministratore
Ultime notizie
 
  • Italian
  • English

Documenti e Norme

 

Presentazione Leader +:

Nello scenario delle politiche di sviluppo indicato in Agenda 2000 e delineato nel corso del 1999 con la pubblicazione dei Regolamenti sui Fondi Strutturali, la Comunicazione agli Stati membri relativa al PIC LEADER+ acquisisce una propria e distinta posizione.
L'IC, in prosecuzione delle precedenti LEADER I (1991-1993) e LEADER II (1994-1999), si attua nel periodo 2000-2006. Possono beneficiare dell' iniziativa tutte le aree rurali dell'Unione Europea.
L'IC promuove azioni integrate di sviluppo delle economie rurali elaborate e attuate nell'ambito di partenariati attivi che operano a livello locale denominati Gruppi di Azione Locale (GAL).
I GAL - espressione equilibrata e rappresentativa dei partner dei vari ambiti socioeconomici del territorio e il cui livello decisionale è costituito per almeno il 50% da partner privati - devono dimostrare la loro capacità di definire in collaborazione e di attuare una strategia di sviluppo del territorio. Tale strategia - integrata, pilota e sostenibile - è da realizzarsi attraverso la predisposizione e l'attuazione concreta di un Piano di Sviluppo Locale (PSL) di elevata qualità progettuale su aree con una popolazione di norma tra i 10.000 ed i 100.000 abitanti e con una densità di popolazione dell'ordine massimo di 120 ab/kmq.
I contenuti caratterizzanti e specifici dell'IC sono acquisiti dalla Regione Puglia che affida al LEADER+ un ruolo strategico nella sperimentazione di modelli organizzativi e di gestione delle aree rurali che consentano di creare esperienze pilota da diffondere, successivamente, ad altre aree.

Attraverso l'IC LEADER+ si intendono perseguire, in Puglia, molteplici finalità:

analizzare i fattori critici dello sviluppo delle singole aree rurali per tradurli in interventi che possano agire sugli aspetti chiave della qualità della vita delle popolazioni locali (in particolare dei gruppi sociali dei giovani, delle donne e degli anziani),

svolgere una funzione di animazione dei territori rurali per valorizzarne le opportunità e i punti di forza,

creare sinergie con e tra gli strumenti presenti negli altri documenti programmatici regionali attraverso il metodo di lavoro di LEADER (ormai noto), per migliorare sia la capacità organizzativa del territorio che l'economia locale,

favorire il contatto con gli altri territori rurali nazionali ed extranazionali in modo non solo da superare l'isolamento ma per potersi confrontare con mercati più ampi e con realtà diverse.

Obiettivo primario del Programma Operativo LEADER + Puglia 2000-2006 è la promozione di dinamiche di sviluppo economico, culturale ed ambientale delle aree rurali e la valorizzazione di specifiche esperienze con territori esterni.

La Strategia appropriata per perseguire le finalità e l'obiettivo indicati si basa sulla selezione e attuazione di Piani di Sviluppo Locale (PSL) che, con coerenza, coinvolgano gli elementi che formano la ricchezza di un'area, dalla cultura al paesaggio, dai prodotti tipici al sito storico, attraverso percorsi di sviluppo che enfatizzino le specificità locali che rappresentano gli elementi in grado di fornire un valore aggiunto ai programmi previsti nel suo ambito, vale a dire l'attuazione di politiche di sviluppo territoriale mirate a valorizzare ciò che è caratteristico e distintivo nelle risorse locali e inoltre sperimentino nuovi modelli organizzativi, che attivino relazioni esterne al territorio (reti, mercato, ecc.) e promuovano l'imprenditoria giovanile e femminile.

Tali PSL e l'intero Programma LEADER+ della Regione Puglia, inoltre, lavoreranno in stretta integrazione con gli interventi previsti dal Programma Operativo Regionale e con il Piano di Sviluppo Rurale della Puglia, ma anche con l'intera normativa sui Fondi Strutturali (Regg. (CE) 1260, 1257, 1261, 1262 1750, 1783, 1784/99 - 438/01)., sugli Aiuti di stato (2000/C 258/06, 2000/C 28/02, Reg. (CE) 68, 69, 70/01) e sulle spese ammissibili (Reg. (CE) 1685/00).

Al Programma Operativo Regionale e agli altri documenti programmatici sono demandati gli interventi che incideranno sulle condizioni (produttive, economiche e sociali) di contesto complessivo attraverso modifiche infrastrutturali (acquedotti rurali, ad esempio) e strutturali, nonché erogazione di servizi (formazione, servizi per l'innovazione e il miglioramento della competitività, ecc.).

Il Programma LEADER + Regionale interverrà sia con azioni complementari rispetto agli altri programmi e sia con azioni proprie, funzionali alla creazione e alla attuazione di percorsi di sviluppo innovativi e pilota per le aree rurali. La dotazione finanziaria pubblica pari a 33.050.000 Euro, non è in grado di incidere autonomamente ed in maniera risolutiva sul decollo delle aree rurali pugliesi.

Attraverso questo approccio gli strumenti programmatici si collegheranno tra loro determinando, con logica di supporto e validazione reciproci, una evidente sinergia che ne potrà accrescere l'impatto economico e sociale.

Il rapporto tra i Piani di Sviluppo Locale e le politiche nazionali di sviluppo sarà esaminato al livello locale. Nei PSL saranno indicate (se ricorreranno le condizioni) le relazioni e i rapporti che si intenderanno attivare con le istituzioni a vario titolo impegnate nella Programmazione negoziata.

Il Programma LEADER + della Puglia, dunque, si articola in quattro assi:

Asse I: Strategie territoriali di sviluppo rurale di carattere integrato e pilota;

Asse II: Sostegno alla cooperazione tra territori rurali;

Asse III:Rete nazionale;

Asse IV: Assistenza tecnica, valutazione.

 

 
(C) 2017 Leadermed.org
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL.
Med Studio